Tecniche e Strategie per giocare online

Posts by Category : Poker Online

standard

Poker online , i dati sulla spesa nel 2012 0

La spesa nel poker online

Nelle scorse settimane, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) ha reso noti i dati ufficiali relativi alla spesa e alla raccolta del poker online nel 2012. La conclusione più significativa che se ne trae  la conferma di un trend che già si era palesato alla fine del 2011: il cash game ha nettamente surclassato il classico poker a torneo. Il primo, infatti, ha visto aumentare considerevolmente la spesa sostenuta dagli italiani, mentre il secondo ne lascia per strada oltre un terzo.

Poker online: cash game

La modalità cash fa segnare un aumento della spesa pari al 63,6%. Vero, il dato  parzialmente ‘drogato’ dal fatto che il confronto con il 2011 sia impari: in quell’anno, il cash game online  partito ufficialmente solo dalla metà di luglio. Ciò non toglie che l’aumento sia così evidente che, sebbene a cifre contenute, ci sarebbe potuto essere anche se i dati fossero stati spalmati su 12 mesi e non su 5 mesi e mezzo. In totale, gli italiani nel 2012 hanno speso la bellezza di 209 milioni di euro per sedersi ai tavoli del poker cash game online. Il dato si evidenzia anche analizzando il traffico di una delle poker room più famose d’Italia, Poker Club di Lottomatica, dove il cash game ha avuto un picco nei confronti della modalità da torneo.

Poker online: tornei

Discorso completamente opposto, invece, per i tornei di poker online. Qui, gli italiani hanno speso solo 151 milioni di euro, circa 11 milioni al mese, il 37,6% in meno rispetto all’anno scorso. Il discorso sulla modalità a torneo  speculare rispetto a quello fatto per il cash game: il calo  netto, ma sarebbe stato sicuramente ancora più evidente se il cash game online avesse avuto a disposizione tutto il 2011, non soltanto meno delle metà.

Poker online: mobile

La vera novità del 2012  però è il poker mobile, cioè la fruizione del poker online attraverso dispositivi portatili quali tablet e smartphone. Il mercato  sostanzialmente nuovo e ancora piuttosto di nicchia, eppure la percentuale di raccolta nel 2012  cresciuta addirittura del 200% rispetto al 2011. Secondo molti analisti, questo  soltanto l’inizio: nel prossimo lustro, l’industria del gaming mobile (texas holdem online, poker in generale, ma anche giochi da casinò)  destinata a crescere a ritmi forsennati, tanto in Italia quanto nel resto del mondo.

Conclusioni

Per il poker online il momento storico  particolare. La spesa globale degli italiani nei giochi  in calo, il boom del settore  ormai alle spalle e la saturazione del mercato  pressochè raggiunta. Nonostante ciò, il poker virtuale rimane comunque il settore trainante non solo tra gli skill game ma, più in generale, dell’intero comparto dell’intrattenimento a pagamento sul web, insieme alle scommesse sportive.

I prossimi anni saranno decisivi. L’intenzione degli organi regolatori nazionali dei più importanti paesi facenti parte dell’Unione Europea  quella di riuscire a creare bacini d’utenza condivisi, per avere un continuo ricambio di utenti e per permettere ai giocatori stessi di confrontarsi con player provenienti da altre nazioni. Proprio l’Italia, insieme a Spagna, Francia, Portogallo e Gran Bretagna,  uno dei paesi che pi spingono in questa direzione.

standard

La febbre del Poker Sportivo Online 0

Puntata nel poker sportivo

La febbre del poker sportivo si è davvero diffusa in tutto il mondo. Il gioco del poker è diventato sempre più accessibile, grazie a Internet e il crescente numero di tornei trasmessi in tv, e così la febbre ha contagiato tutto il mondo.

Negli ultimi anni, il gioco del poker si è trasformato da una partita giocata in una squallida cantina, ad un gioco che si gioca in salotto davanti al computer. Ci sono milioni di giocatori che giocano su tutti i livelli, a partire da $ 0,02 fino a tornei da $ 10.000, della durata di diverse ore. Per questo motivo, il poker online è una delle industrie di rete che stanno crescendo più velocemente al giorno d’oggi.

Nonostante il grande successo del poker, non è ancora consentito di ospitare questo tipo di gioco negli Stati Uniti, e anche in molti altri paesi, tante le pagine dove si gioca sono dirette dall’ Europa o da isole esotiche con leggi favorevoli, anche se è un gioco che si gioca in tutto il mondo.

Il poker di solito colpisce le persone che non hanno mai provato, ed è un gioco facilmente accessibile da fare tranquillamente seduti a casa in maniera anonima, imparando le regole senza rendersi ridicoli davanti agli altri giocatori al tavolo. La massiccia attenzione in TV, è anche uno dei fattori che hanno portato il poker sportivo a questo successo. Il poker è lo sport popolare che sta crescendo più rapidamente in Danimarca. Le biblioteche danesi con le loro statistiche dimostrano che i libri che sono stati presi in prestito attualmente sono quelli che parlano del poker. In tutte le caffetterie danesi hanno luogo i tornei di poker, tornei dove tutti hanno la possibilità di partecipare e anche di vincere premi fantastici.

Secondo PokerPulse, ci sono stati circa 1,8 milioni di giocatori a scommettere soldi per il poker su Internet nel mese di gennaio. In un periodo di 24 ore, i giocatori che sono a casa davanti al computer scommettono una media di 191 milioni di dollari. Il mese di gennaio ha dato un aumento complessivo in tutto il settore del 9%, e quindi può veramente dire che il mercato del poker sportivo è in una situazione imprevedibilmente benefica.

standard

Il poker é un gioco d’azzardo ? 0

Il poker è un gioco d'azzardo ?

Il Poker è sempre stato legato al gioco d’azzardo . Ma che cosa è un gioco d’ azzardo? Una delle definizioni più rilevanti di gioco d’ azzardo è la seguente: rischiare denaro o qualunque cosa di valore nei giochi in cui la probabilità di vincere o perdere non dipende dall’abilità del giocatore, ma solo del caso.

Quello che manca a questa, e alla maggior parte delle definizioni di gioco d’azzardo é il fatto che non include che si prende il rischio, con la garanzia che, se il gioco si fa dalla nostra parte, riceveremo più denaro di quello che abbiamo messo a rischio.

Ora che sappiamo che cosa è un gioco d’ azzardo tentiamo di rispondere alla nostra domanda iniziale. È il poker un gioco d’azzardo? La risposta è: sì e no. Un giocatore qualunque che va a giocare a poker per una notte, sta sicuramente giocando d’azzardo; e anche se continuasse a ripetere il rito giocando ogni notte per il resto della sua vita starebbe giocando d’azzardo.

Questo perché si starebbe affidando al caso per giocare senza porre in essere alcuna tecnica sistematica di gioco che possa garantirgli di dominare il caso. Facciamo un parallelo con il lancio della moneta. La possibilità che esca testa o croce é del 50% ciascuno. Ipotizziamo il caso che si paghi 1 nel caso esca testa e si riceva 3 nel caso esca croce. La persona che gioca una sola volta, sta giocando d’azzardo: ovvero si affida al caso e gli é indifferente vincere o perdere. Ma se applichiamo un metodo sistematico, sapremo che ogni N giocate per il 50% vinceremo e per il 50% perderemo guadagnando la differenza, ovvero nel caso dell’esempio 2.

Allo stesso modo nel poker se si effettua una sola partita, ci si dedica al caso. Ma se giochiamo correttamente punteremo solo quando le probabilità sono a nostro favore trasformando la vittoria, nei grandi numeri ovviamente, in un dato pressoché certo.

In tale ottica il poker non é un gioco d’azzardo, stante che si domina il caso grazie alla matematica.
Saranno infine però le nostre emozioni a fare la differenza, finché rimarremo lucidi e razionali non staremo giocando d’azzardo ma appena perderemo il controllo per un attimo il caso sarà lì ad aspettarci.